ein Geschenk: Tassen aus Porzellan

la mia prima domenica a Berlino è trascorsa all’insegna di nuove conoscenze e nuovi luoghi questa volta finalmente nella parte est della città.

grazie a Mafalda e Gaetano, sono stata al Flohmarkt di Mauerpark senza bisogno della mappa (che sollievo!): un mercatino delle pulci ricco di oggetti, artigianato e chi più ne ha più ne metta! poiché in piacevole compagnia, mi sono trattenuta dal fermarmi ad OGNI bancherella per non interrompere la conversazione… ma il mercatino c’è ogni domenica, quindi eventualmente già so come occupare la prossima…. che sfortuna!

dal Mauerpark siamo poi andati fino ad Alexander Platz, dove, giuro, una volta sola, mi sono cantata, attraversandola, tutta la canzone di Battiato…! che sentimentalona.

tutta la zona è controllata dall’imponente Fernsehturm che io, intelligentemente, ho fotografato in controluce  per far risaltare  il cielo blu e per dare un’illusione di temperatura accettabile (visto il sole…), in realtà sotto lo zero. no comment.

potrebbe sembrar caldo ma non è

poi mi sono spostata a Kreuzberg/Neukölln dove ho bevuto un buon caffé con un amico di Giulia, Manfred! gentilissimo, con lui abbiamo concluso che il Portogallo può rovinare la vita, diventando il chiodo fisso, di chi se ne innamora (e infatti io, Giulia e Manfred abbiamo tutti in comune il caro paese lusofono).

il berlinese non si lascia intimidire dal gelo

 

 

 

 

è bello girare per le vie di Berlino: se si fa un po’ di attenzione, si trovano proprio delle cose bizzarre! vogliamo parlare, per esempio, di un metodo efficace per contrastare il freddo di questa gelida città? perchè rinunciare alla comodità del trasporto su due ruote solo perchè le temperature sono proibitive? basta usare una soffice e calda SELLA DI PELO! il cittadino di berlino ne sa sicuramente una più del diavolo!

Ma la parte più divertente della già piacevole giornata mi attendeva a casa: Agata, la mamma polacca, ha ricevuto in dono da un’amica delle belle porcellane vintage. mentre le scarta dall’imballaggio mi chiede se ne voglio alcune… mentre tento di motivare, invano, il mio rifiuto (solamente per una futura questione di spazio) spunta dalla sua tana il piccolo criceto lulù. allora lei, tutta carina, dice “ah, tu qua sei… io pensava tu… MORTO!”. beh, non riuscivo più a trattenere le risate…. (chi mi conosce sa che non l’ho fatto). ripeto, non sottovalutare mai l’umorismo polacco…..

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

4 risposte a ein Geschenk: Tassen aus Porzellan

  1. Moreno ha detto:

    due cose:

    – ottima idea la sella di pelo! quasi quasi me ne faccio una anch’io… Nemo, Nemo, vieni qua, micino bello! dove scappi?

    – comincia a farti qualche domanda sul perché mamma Agata reputi tutti morti e ci scherzi su così allegramente. La prossima potresti essere tu. Mai sottovalutare la serialità omicida polacca!

  2. Ery ha detto:

    …muhahaha… troppo bella la mia Angelin!!! La sella di pelo… fantastica; bisogna sperare che non piova!!! ;-) Per quanto riguarda Agata… ma da dove spunta un elemento tanto strano?! ;-) Alla prossima puntata…

  3. Pingback: auf dem Frühling warten | una alnaider a berlino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...